sabato 27 ottobre 2012

I diari di Parigi 1

Parigi è una città ovviamente della bellezza che si esprime dalla noscialanza delle persone che si mettono la baguette con dentro il formaggio sotto tutte le ascelle del mondo e nessuno gli dice le controindicazioni. Parigi è una città parigina che mentre cammini piove poi scendi una scalinata parigina e viene il sole poi giri una strada di parigi e viene il vento poi sali a una parte di parigi  e viene la nebbia poi esci da un portone e  ti hai rotto il cazzo.
A parigi quando ti danno un panino è freddo del frigorifero, questo popolo non conosce l'uso del fornetto giustificato dalle cameriere dalla presenza di tracce di maionese nel panino che non permette il riscaldamento. Non ho avuto modo di controbattere alla cameriera nella lingua parigina perchè si sarebbe creata una disturbata in terra parigi che sarebbe terminata in tafferugli sulle banlieue con loro che mi lanciavano le baguette con la maionese e io che rispondevo con il lancio dello sfilatino con la sasiccia.e avrei vinto.
Parigi la metropolitana passa ogni minuto e mezzo però se in quel tempo non riesci ad entrare nella porta del treno a loro non gliene fotte niente che sei rimasto con la parte del corpo sinistro fuori, poi quando arrivi alla fermata dopo ti puoi sistemare, puoi controllare se hai perduto definitivamente la sensibilità di metà corpo oppure se devono venire a ingessarti. Ma non fa niente, pure se stai ingessato, pure se ti è venuta la rinotracheite e si è bloccato il collo per il vento Parigi è sempre bella e ti puoi mangiare un dolcetto nelle caffetterie di parigi con un'irrisoria accensione di un temporaneo mutuo che comunque non era un problema visto che parigi è bella e che te ne fotte , mangiatela una sciù a cioccolata, tanto stai a parigi.

7 commenti:

  1. Cara Pataterna, sei unica! Come diceva una canzone un po' di tempo fa: "come te non c'è nessuna!" :)
    Ti volevo chiedere, mi autorizzi a mettere i tuoi post nel mio blog, ovviamente citando l'autore e la fonte con un bel link al tuo blog?
    Se mi rispondi di no va bene lo stesso, ti leggerò sempre con enorme piacere.
    Un saluto da un tuo fan! :)
    Ciao

    RispondiElimina
  2. pataterna mon amour

    RispondiElimina
  3. (viva gli anonimi!)
    caro Giuseppe metti metti mettili dove vuoi

    RispondiElimina
  4. Mamma mia tiene tante bellissime qualità
    Scrivi avermanent a pataterna
    Minuti di puro piacere lettorio.
    Una risata a cufaniello
    "Si parigi tnesse lu mer sarebbe na piccola ber" (per i patani, le patane ed i patanielli -> "se parigi avesse il mare sarebbe una piccola bari")
    Comunque la baguette è buona quando è fresca. Il giorno dopo ci fai il pane spugnato per le purpette. E pure altre cose. Però se si scalda nel fornetto che a Parigi non ce lanno rinviene come a berlusconi.
    Ciao cara

    RispondiElimina
  5. Post sul tuo blog sulla nostra Home.
    Ciao!

    https://www.facebook.com/pages/GLI-AUTO-ESILIATI/135616969536?ref=hl

    RispondiElimina
  6. parigi se non fosse parigi sarebbe livorno

    RispondiElimina
  7. Era 'nu pomeriggio chin'e sole quanndo Anna bello e bbuono dicette: Bellì, jammuncenne a Parigge io e te, veneno pure Alfonso e l'Alfa sud e Teresa 'e ncopp'o Vommero.

    Fuje tanta l'emozzione ca doppo anne e anne me tremmano ancora 'e denocchie. E pe' nun scunucchia m'appuiaie vicino 'o stipetto, facenno 'a pate indifferente, talmente indifferente ca senza sapè né leggere e né scrivere comm'a nu furlocco me mettetto a cantà Indifferentemente. La quale Indifferentemente me piaceva, pure si 'o protagonista d'a canzone suffrevo comm'a 'nu cane.

    Oltre a cantà dint'a capa mia Indifferentemente, a Perzechella mia, comm'a nu cretino le rispunnette:-No!-

    A tanno a mmò, spisso, penzannece, aggio piagliat'o specchio e me so' piagliate a ponie, schiaffune e fucuzzune mmocca. Perzechella m'aveva fatta spantecà, po' dicette ca essa se senteva troppo chiusa e attaccata dint'o fidanzamento nuosto, pirciò, io arapetta 'a gaiola e le dicette:- Vattenne Perzechè si staje a murì- 'A verità propria, si vulimmo parlà, si ce steva uno ca suffreva chillo ero io e io sultanto.

    Quanno chillu pomeriggio essa me dicette 'o fatto 'e Parigge teneva 'e ccosce mosce mosce, e nun tenetto 'o curaggio 'e dicere, anzi d'allucca 'o munno sano: -Ammore mio carnale fujmmencenne mò mmò a Parigge. Figurati, sciusciù, ca saccio pure ca quanno scinne d'o treno o a l'aereo subbeto te vene a dicere: - Parigge è sempe Parigge, oppure, Vedi Napoli e poi muori. Si chesto 'o saccio troppo bbuono pecchè proprio aiere hanno acciso a nu povero guaglione scagnannelo pe' n'ato e facenno 'o scippo a 'na signora, essa carenna, llà 'nterra é rimasta: 'a capa era 'nu granato apierto. 'O saccio ca chesta songo cose overamente brutte ma brutte assaje. Comme ve steve dicenne, io cu Perzechella a Parigge ce vulevo ij, ma invece a vocca m0acseva sulanmente No! Essa a me prià pe' sotto e pe' ngoppo, e io niente. Ma mentre le ripetevo No!, stevo mureve d'arraggia. E sapite pecché le dicette e ripetevo No?

    A Perzechella a vulevo bbene sempe: ero 'nammurata comme 'na pera cotta. Però a quano essa m'aveva lassate, io cercai di scordarla. Certo, penzaje pure ca si essa me vulevo purtà a Parigge e dicette anche ca si nun teneve 'e sorde, nun mi dovevo preoccupare, pecché 'e sorde ce metteva essa. 'o fatte d'e sorde era overo: io nun teneva 'na sfaccimma 'e lira pecché ero disoccupato.

    Maronna mia, quanti vota me songo jttato cu 'a capa dint'o muro. A verità proprria nu sacco d'amici e conoscenti me diceno: Mò sapimmo pecché si paricchio scemo, tiene 'a capa tutt'ammulignanata.

    A Perzechella, ca teneva dint'o core, e ca pur'essendo non proprio bella né bona e né scisciona, me faceva 'ntusta sempe, le dicette ancora No! pecché me mettevo paura di annammurarmi ancora cchiù di primma e suffrì ancora e cchiù peggio 'e 'nu cane. Cane pe' cane, sapite comme me chiammo? Pure si nun songo nu pastore germanese, me chiammano 'o stesso Rex. Ma songo sulamente 'na via 'e miezo: 'nu bastrdo 'nammurato.







    RispondiElimina